Protesi dentali

La malattia parodontale è una patologia che coinvolge i tessuti di sostegno dei denti (parodonto). È una malattia determinata da batteri ed è quindi un’infezione, spesso cronica, che nelle sue forme più aggressive e avanzate può condurre alla perdita di denti perfettamente sani (“piorrea”) ed è quindi altamente invalidante per la funzione masticatoria, per l'estetica e nella vita di relazione.

Spesso asintomatica, la malattia parodontale può passare inosservata nelle sue prime fasi, anche se una visita attenta può identificare alcuni suoi segni caratteristici quali ad esempio il sanguinamento delle gengive, la scopertura dei colletti dentali, la mobilità di alcuni denti, la persistenza di alito cattivo, ecc. .

La parodontite colpisce prevalentemente individui tra i 40 ed i 60 anni, ma talvolta, nelle sue forme più aggressive, anche soggetti più giovani.

Le sue cause sono molteplici: alla componente batterica si unisce infatti una componente genetico-ereditaria, oltre che malattie sistemiche o abitudini scorrette (es.: il fumo). Ecco perché spesso non può essere eliminata in modo definitivo ma può e deve essere curata e tenuta sotto controllo attraverso specifiche terapie ed accurati protocolli di mantenimento concordati con il medico e l’igienista dentale.

Il punto cardine della terapia parodontale è quello di rimuovere meccanicamente i depositi batterici (placca e tartaro) sopra e sotto le gengive e di permettere al paziente di ottenere un’igiene domiciliare adeguata e facilmente mantenibile. Tale obiettivo può essere perseguito attraverso terapia chirurgica “rigenerativa”, cercando di ripristinare il tessuto distrutto dalla malattia o, se non praticabile, attraverso una terapia “resettiva” che tende ad eliminare radicalmente le tasche ed i difetti parodontali.

Lo Studio del Prof. Luciano Malchiodi si avvale dei più accreditati protocolli, con l’ausilio anche di nuove tecnologie per la terapia della malattia parodontale, quali, ad esempio, il laser a diodi.